MENU PRINCIPALE
PERTEGADA (UD)
Sondaggio
come andrà il campionato ?
 
Sarà Eccellenza
Rimane in serie
Retrocede
PlayOff X Eccellenza.
Playout X salvezza
Risultati
Comment TagBoard
Entra in Chat
Feed RSS. Amici
Visite

 909781 visitatori

 1 visitatore online

Benvenuto su ASD Pertegada Calcio UBF. Unione Basso Friuli

Pertegada calcio UBF.Latisana

ultimi 7 news


Promozione: alla fine in Eccellenza ci va il Kras. Casarsa beffatoCasarsa_Kras-Repen=1-2

Nell'inattesa finale playoff del campionato di Promozione giocata al "Morigi" di Manzano, nel senso che si è disputata per via della retrocessione del Cjarlins Muzane dalla D della scorsa settimana, a spuntarla alla fine è stato il Kras Repen.

I carsolini hanno avuto la meglio sul SAS Casarsa in rimonta e per 2-1. Grazie a questo risultato, il sodalizio biancorosso torna in Eccellenza dopo un solo anno.

Partita all'inizio bloccata e molto tattica, con Knezevic (squalificato) che ha dovuto fare a meno di bomber Palliaga (infortunato).

Tutti a disposizione invece per Pagnucco. Come detto, squadre che si sono studiate ed aspettate nella prima frazione, avara di emozioni.

Quando tutto però sembrava lasciar presagire un primo tempo con il risultato a occhiali, ecco l'episodio che ha rotto l'equilibrio e spaccato il match.

Fuga di Bayire sulla trequarti a servire Pacciuli sul lato corto di destra dell'area. Cross del numero 11 sul secondo palo per Dema - tutto solo - che da due passi ha insaccato: 1-0 e risultato con cui si è andati al riposo.

Nella ripresa il goal del pareggio carsolino è arrivato dopo soli 6: cross da destra sul quale si è avventato Velikonja. Tosone, nel tentativo di anticipare il 9 avversario ha messo il pallone alle spalle di Nicodemo per il 1-1.

Il sorpasso del Kras è arrivato con un azione fotocopia del goal del Casarsa, solo che questa volta è stato Solaja a mettere in rete il definitivo 1-2.

Da lì il risultato non è cambiato, anche se c'è stato il tempo per un episodio dubbio in area biancorossa - in pieno recupero - dove il Casarsa ha reclamato con veemenza il calcio di rigore, e per una grande parata di Buzan in stile Dino Zoff contro il Brasile veramente all'ultimo secondo.

Alla fine a festeggiare è il Kras Repen, che se ne torna così in Eccellenza. Per i giallo-verdi pordenonesi invece le speranze di partecipare all'élite del calcio regionale il prossimo anno sono affidare ai ripescaggi.

FONTE: www.calciofvg.live - 20/05/2024



... / ... Leggi il seguito


Impresa salvezza dell'Ubf

PROMO A - Impresa salvezza dell'Ubf

Sul campo dell’Ol3 i gialloneri di mister Paissan vincono di misura per 1-0 grazie al gol partita di Novelli all'alba del match. Nel finale i due portieri evitano pareggio e raddoppio


OL3 - UNIONE BASSO FRIULI  0-1
Gol
: 6' Novelli.

OL3: Spollero; Gressani; Buttolo; Michelutto; Rocco; Stefanutti; Gregorutti; Scotto; Mucin; Sicco; Samba. A disposizione: Maklaj; Montenegro; Jordan Panato; Drecogna; Iacobucci; Paussa; Panato Roberto; Mossenta. Allenatore: Gabriele Gorenszach.

UNIONE BASSO FRIULI: Verri; Novelli; Geromin; Bottacin; Pramparo; Bellina; Massarutto; Vegetali; Mauro; Mancarella; Bacinello. A disposizione: Pizzolitto; Gigante; Speltri; Fabbroni; Agyapong; Buffon; Selva; Vicentin; Conforti. Allenatore: Loris Paissan.

ARBITRO: Emanuele Cecchia sez. Tolmezzo. Assistenti: Giacomo Ponti sez. Trieste; Jacopo Guanin sez. Trieste.

FAEDIS L’Unione Basso Friuli piazza il colpo di giornata fondamentale all'Ol3 Arena nell’anticipo della venticinquesima giornata nel girone A di Promozione e grazie a questo successo di misura rialza le proprie quotazioni salvezza portandosi a solo tre lunghezze dal Corva prima squadra al momento salva.

Match molto combattuto e sbloccato dopo solo 6 minuti da parte degli ospiti sugli sviluppi di un corner di Mancarella sul secondo palo, Pramparo la rimette in mezzo per il tap-in finale vincente di Novelli. L’Ubf tiene bene il campo specialmente nei primi minuti molto propostivi, ma col passare del tempo l’Ol3 sale, creando alcune chance soprattutto colpendo una traversa da corner a colpo sicuro e poi sulla successiva respinta un calciatore di casa non riesce a ribadire in rete. Risponde presente anche la compagine ospite con un tentativo sempre da calcio d’angolo con una deviazione di Bellina e successivamente nessun suo compagno riesce a toccare la palla in maniera vincente dentro la porta.

Nel secondo tempo il mister di casa Gorenszach opta per due cambi, inserendo Iacobucci e Paussa nel tentativo di raddrizzare l’incontro e avere maggior spinta. Gli orange attaccano, senza creare grosse opportunità da rete. I tanti attacchi dei locali vengono respinti da un’attenta difesa dell’Unione Basso Friuli che in contropiede sfiora il raddoppio. Nel finale i locali vanno vicini al pari con il tiro di Iacobucci ben parato dal portiere Verri, mentre sul ribaltamento di fronte, sempre dalla bandierina, a pochi metri il portiere Spollero compie un miracolo su un tocco ravvicinato di un calciatore ospite e tiene in vita le speranze dei locali. Gli uomini di casa ci provano sino alla fine, senza trovare la zampata giusta per ottenere il pareggio e così l’Ubf al triplice fischio festeggia per tre punti vitali per ambire a restare in lotta per la salvezza.

Grande gioia e meritata soddisfazione per l’allenatore dell’Unione Basso Friuli Loris Paissan: «Questo successo era fondamentale, speriamo dia una carica giusta a tutto l’ambiente e mi auguro di evitare nelle prossime gare di perdere alcune contese come nelle precedenti dove, dopo essere stati in vantaggio, siamo usciti sconfitti. Stavolta siamo stati bravi a non perdere la concentrazione contro un’ottima squadra con molti giocatori giovani interessanti e quindi riuscire a tenerci stretto questo successo è stato molto importante. Il nostro obiettivo sarà giocarcela contro tutti nelle partite rimanenti per cercare di vincere contro tutti per ambire a guadagnarci una super salvezza e, poco ma sicuro, daremo tutto fino alla fine».

FONTE: www.friuligol.it - 06/04/2024


... / ... Leggi il seguito


Paissan Loris Allenatore Ubf

Torna il sereno in casa Unione Basso Friuli: dopo tre ko consecutivi, la formazione di Paissan torna a respirare e ritrova la vittoria, imponendosi sull’Union Martignacco per 1-0.

- Ecco le dichiarazioni dell'allenatore Loris Paissan:

“Finalmente abbiamo portato fuori una vittoria senza tra l’altro subire gol. Siamo stati caparbi e anche un po’ fortunati, ma non abbiamo demeritato. Il Martignacco è una bella squadra, che gioca a calcio, e credo che sia stata una bella gara perché entrambi potevamo vincere e alla fine siamo stati premiati noi. Bene così”.

“È subentrato al capitano Fabbroni, tornato da 3 settimane e che va perciò centellinato, e, dopo una gran galoppata sulla destra, ha provato il cross che si è infilato sul palo lontano”. Permane, in ogni caso, il problema degli infortunati: “La rosa ad oggi è corta, ieri ho dovuto cambiare formazione all’ultimo perché Samuel, un centrocampista 2006 molto interessante e fin qui sempre titolare con me, ha avuto un risentimento muscolare nel riscaldamento. Però siamo un grande gruppo, che lavora e sta crescendo, se riusciamo a mantenere questa mentalità potremmo salvarci”.

“Sono tutte gare da tre punti, ma i confronti diretti valgono qualcosa in più dato che potremmo agganciarli. È uno scontro diretto importantissimo. Speriamo sia partita la nostra rincorsa”.

"Mi ha chiamato il ds Gabriele Verri, che conosco bene pur non avendoci prima mai lavorato assieme, e mi ha convinto illustrandomi la bontà del progetto. È un bell’ambiente, tranquillo e speciale, composto da gente vera. Non ci sono pressioni esagerate e ti fanno lavorare in pace, mi hanno supportato molto nonostante le tre sconfitte iniziali”.

“È un campionato tosto, con 4 retrocessioni secche non puoi sbagliare, e tutte le squadre sono attrezzate. Ho visto Teor-Maranese, e il Teor, che ci sta dietro, mi ha impressionato molto, dal centrocampo in sù hanno qualità e sono battaglieri. Per quanto riguarda la vetta, ho sempre detto che il Casarsa vincerà il campionato, ha un zoccolo duro che va avanti da tempo, è il loro anno, sebbene anche il Fontanafredda sia realtà quadrata e forte”.

FONTE: www.tuttocampo.it - 13/02/2024



... / ... Leggi il seguito


UBF Casarsa

PROMO A - Il Casarsa passa a Latisana nel finale ed allunga in vetta

Parte con una sconfitta contro la prima della classe l’avventura di Loris Paissan sulla panchina degli udinesi. A Latisana una autentica sagra delle occasioni in un match emozionante dal primo all’ultimo minuto. Palo clamoroso di Selva prima della fantastica rete dell’italo-argentino Blanstein che manda avanti i locali. In avvio di ripresa bomber Paciulli firma il pari, poi Ajola sfiora il sorpasso con una magia da fuori che centra la traversa piena. Nel finale un rigore contestato e trasformato da Toffolo vale il sorpasso dei casarsesi, che nel recupero trovano anche il tris con Tocchetto. Verri autentica saracinesca nel corso della partita, autore di almeno tre interventi salva-risultato


UNIONE BASSO FRIULI - CASARSA 1-3
Gol:
 33’ Blanstein, 47’ Paciulli, 84’ rig. Toffolo, 94’ Tocchetto

UNIONE BASSO FRIULI: Verri, Sotgia (64’ Buffon), Agyapong, Mauro, Novelli, Bellina, Daniel Vegetali, Novelli Gasparini (8’ Selva), Blanstein, Mancarella (55’ Chiaruttini), Bacinello. A disposizione: Pizzolitto, Conforti, Bottacin, Speltri, Kevin Vegetali, Zigante. Allenatore: Loris Paissan.

CASARSA: Bertoni, Venier, Bertuzzi, Ajola, Sera, Toffolo, Bayire, Tosone, Dema (73’ Brait), Alfenore (55’ Cavallaro), Paciulli (80’ Tocchetto). A disposizione: Nicodemo, Fabbro, Zanin, Petris, Fantin, Minighini. Allenatore: Michele Pagnucco.

ARBITRO: Eric Visentini sez. Udine. AssistentiRiccardo Lendaro sez. Pordenone e Luca Correra sez. Trieste.

NOTE – Angoli 4-7. Ammoniti: Sotgia, Mauro, Bellina, Ajola, Cavallaro. Recuperi: 3’ pt; 5’ st.


Punta a tenersi bello stretto il primato riguadagnato domenica scorsa questo pomeriggio la capolista Casarsa, di scena a Latisana nella sfida contro l’Unione Basso Friuli. All’andata i casarsesi la spuntarono al termine di un match spettacolare, riuscendo a ribaltare il doppio svantaggio (doppietta di Bacinello) vincendo la sfida per 4-2.

In casa Unione Basso Friuli inizia l’era Paissan dopo la separazione da Carpin. Per l’ex tecnico di Spal Cordovado e Sanvitese un esordio decisamente tosto contro la prima della classe, dove dovrà far fronte anche a numerose assenze tra infortuni e squalifiche. Ma i padroni di casa, solo un punto nelle ultime quattro gare, venderanno certamente cara la pelle. Centrare un risultato positivo sarebbe fondamentale per la classifica e il morale, ed avere la meglio su un avversario di questo spessore potrebbe rappresentare la svolta. Sull’altro versante Pagnucco insegue la settima vittoria in trasferta per tenere a distanza la Forum Julii, sperando magari in un passo falso dei ducali sul campo del Corva per allungare il distacco e rafforzare la prima posizione.


Pronti via e il Casarsa colpisce già una traversa con Dema sugli sviluppi di un corner neppure completato il primo tiro di lancette. L’arbitro aveva comunque interrotto il gioco per un fallo in area di rigore. Immediata la replica dei padroni di casa a conferma di un avvio di partita scoppiettante. Il tentativo è di Novelli Gasparini, palla di poco sul fondo. Al 5’ ospiti ad un passo dal vantaggio dopo un errato disimpegno difensivo della retroguardia di casa, salva tutto Verri che si oppone alla grande sul tiro di Dema. Tre minuti dopo già costretto ad operare la prima sostituzione mister Paissan, che deve togliere dal campo l’infortunato Novelli Gasparini. Entra al suo posto Selva, che ha subito una clamorosa opportunità per sbloccare il risultato su palla giunta dopo un tiro di Mauro intercettato dai difensori ospiti. Il neoentrato non la sfrutta. Prosegue l’andirivieni di emozioni al minuto 11 con una importante palla gol anche per la squadra di Pagnucco. Non riesce a capitalizzarla Paciulli, che manda alto da ottima posizione. Undici gialloverde ancora protagonista al 13’, quando riceve il perfetto suggerimento di Dema ma calcia troppo debolmente tra le braccia di Verri. Manca davvero soltanto il gol in questo avvio di partita che continua a regalare emozioni ed occasioni. Al 16’ altra chance per i padroni di casa, con Mauro che raccoglie l’assist di Bacinello e calcia un bellissimo sinistro nei pressi del limite dell’area che sfiora il sette. Ci riprova l’indomito quattro di casa ancora da fuori al 22’, stavolta non ci sono problemi per Bertoni che blocca in sicurezza. Altro discorso invece quanto capita appena un minuto dopo, quando il numero uno ospite viene salvato dal palo, clamoroso, sulla bordata di Selva. Con il passare del tempo i padroni di casa continuano a guadagnare metri prendendo il possesso del centrocampo e costruiscono ancora occasioni. Al 27’ Bacinello ci prova da calcio piazzato, palla alta sopra la traversa. Pagnucco prova a scuotere i suoi e il Casarsa torna ad affacciarsi in attacco con un destro dalla distanza di Alfenore che finisce non di molto a lato. Al 33’ l’Unione Basso Friuli rompe il ghiaccio. Sugli sviluppi di una punizione dalla trequarti di Agyapong, Selva mette un pallone in area che viene raccolto da Blenstein, il quale con un gran gesto tecnico spedisce la palla in fondo al sacco. Il Casarsa prova immediatamente a replicare e ha la grande opportunità al 35’ di pareggiare i conti con Paciulli, ancora una volta è determinante l’intervento di Verri che chiude la porta e manda in corner la minaccia. Finale di tempo altrettanto entusiasmante. Al 38’ gran palla messa in area da Mancarella, per poco Bacinello non trova la deviazione vincente. Quattro minuti dopo ancora eccellente Verri su Dema, poi un insidioso destro di Alfenore che per poco non inquadra lo specchio della porta. Su rovesciamento di fronte altra bellissima iniziativa personale di Mancarella, anche stavolta per un niente Bacinello manca l’impatto con il pallone in area.


L’avvio di ripresa si conferma sugli stessi ritmi altissimi della prima frazione. Al 46’ Daniel Vegetali scambia con Bacinello e calcia da posizione defilata sfiorando il legno. Su rovesciamento di fronte la palla messa in mezzo da Venier trova la deviazione vincente di Paciulli che vale l’1-1. Non c’è un attimo di sosta e continua la sagra delle occasioni. Al 48’ angolo di Ajola per il colpo di testa di poco a lato di Sera. Un minuto dopo splendida palla filtrante di Blenstein per Mancarella, il quale si invola indisturbato verso la porta ma calcia troppo centralmente e la palla è preda facile di Bertoni. Al 52’ Unione Basso Friuli ad un passo dal nuovo vantaggio con Bellina, il cui colpo di testa sugli sviluppi di un corner finisce fuori di un soffio. Tre minuti dopo Ajola pareggia il conto dei legni, cogliendo una clamorosa traversa con una magia da fuori area. Al 58’ Dema pesca perfettamente Paciulli, la cui conclusione di prima intenzione finisce di poco sul fondo. Tre minuti dopo ospiti ancora pericolosi stavolta da calcio piazzato procurato da Bayire. Non trova le fortune sperate il tiro di Paciulli. Crede nel sorpasso il Casarsa che costruisce ancora una palla gol al minuto 68, il solito monumentale Verri compie l’ennesima prodezza della sua gara sul colpo di testa sottomisura di Dema. Al 73’ invece rischiano grosso gli ospiti sull’insidioso tiro di Selva, Bertoni si salva anche con un po’ di fortuna. A sette minuti dal termine l’arbitro vede un fallo in area su Cavallaro ed assegna il penalty. Recriminano i padroni di casa ma il direttore di gara non torna su suoi passi. Sul dischetto si presenta Toffolo che non sbaglia e regala l’1-2 alla formazione di Pagnucco. Nel recupero Cavallaro disorienta con delle bellissime finte due avversari ed appoggia a sinistra a Tocchetto, che deposita in rete il definitivo 1-3.

FONTE: www.friuligol.it - 21/01/2024



... / ... Leggi il seguito


Nicola Carpin Allenatore Ubf UBF - Carpin esonerato. Al suo posto Paissan
La società ha deciso di interrompere il rapporto con il tecnico. Il ds Verri ha scelto l'ex allenatore della Sanvitese per il prosieguo della stagione


Una situazione di classifica preoccupante al terzultimo posto del girone A di Promozione, tre vittorie all'attivo, quattro pareggi e nove sconfitte, l'ultima nello scontro diretto a Rivolto dopo quella pre natalizia a Torre, hanno fatto propendere la dirigenza dell'Unoine Basso Friuli a dover a malicuore esonerare il tecnico Nicola Carpin.

Allenatore UBF Loris Paissan Al suo posto il ds Gabriele Verri ha già trovato chi condurrà la compagine di Latisana.

E' stato infatti chiamato Loris Paissan, il tecnico che nelle ultime cinque stagioni ha guidato la Sanvitese.

Sarà quindi l'ex trainer biancorosso a provare a cambiar rotta alla nave gialloverde-nerazzurra sin dalla prossima ardua sfida casalinga con il Casarsa capolista.

FONTE: www.friuligol.it - 15/01/2024



... / ... Leggi il seguito


l'Ol3 sbanca Latisana in 10 - da valvasev il 13/11/2023 @ 17:17

PROMO A - Iacobucci colpisce al 93', l'Ol3 sbanca Latisana in 10

La squadra di Gorenszach si impone per 1-0 sui padroni di casa dell'Ubf grazie al gol segnato dal classe 2006, entrato nella ripresa. Espulso al 54' Michelutto, ma con l'uomo in più a spegnersi è la formazione di Carpin

UBF - OL3  0-1
Gol:
93’ Iacobucci

UBF: Pizzolitto, Sotgia, Conforti, Novelli Gasparini (75’ Mauro), Bellina, Novelli A., Massarutto, Buffon (58’ Vegetali), Miotto (58’ Agyapong), Mancarella, Chiaruttini (87’ Selva). All: N. Carpin.

OL3: Spollero, Greatti (46’ Buttolo), Gressani, Michelutto, Rocco, Stefanutti, Gregorutti, Scotto, Panato, Drecogna, Al Azzam (56’ Iacobucci) All: G. Gorenszach.

ARBITRO: Maichol Perazzolo (Pordenone). Assistenti: Hirzet Zenkovic e Maxim Corbatto (Gradisca d’Isonzo).

NOTE - Ammoniti Sotgia, Gressani, Iacobucci, Spollero. Espulso Michelutto al 54'. Recupero: 1’ pt, 4’ st. Corner: 6-4.

Impresa dell’Ol3 che in piena zona Cesarini sbanca il comunale di Latisana dopo aver giocato un tempo in inferiorità numerica. Vittoria che la catapulta a quota 16, a -1 dalla zona playoff. Si complicano le cose per l’Ubf, ferma a 9 lunghezze, a -1 dalla linea che demarca la zona a rischio. Entrambe le squadre sono scese in campo alla ricerca di bissare il risultato dell’ultimo turno di campionato che ha visto l’Ubf vincere contro la Cordenonese e l’Ol3 battere il Corva. Ha la meglio l’Ol3 grazie al gioiellino classe 2006 Iacobucci che entra nella ripresa, dà una svolta al match e colpisce nei minuti di recupero.

Prima frazione di gara dal ritmo blando e senza grosse emozioni con le squadre posizionate a specchio, le rispettive difese attente a bloccare le incursioni avversarie e a giocare di ripartenza. Non ci sono spazi per gli attaccanti che nella prima parte di gara mancano d’incisività e vengono poco serviti, mentre i portieri trascorrono un primo tempo di totale relax. Poche le azioni da registrare. Dopo un quarto d’ora Drecogna crossa al centro, la sfiora soltanto Rocco senza impattare sul pallone.
Per la prima vera azione in avanti dei locali bisogna attendere il 26’: Novelli Gasparini fa filtrante una palla dalla destra, interviene senza troppi patemi Spollero. Cinque minuti dopo prima incursione di Sotgia sulla fascia destra, al centro la palla rimbalza su Mancarella che impatta male sul pallone vanificando l’assist del compagno. Al 42’ azione fotocopia alla precedente, questa volta Mancarella non ci arriva per un soffio.

Secondo tempo decisamente più avvincente, con le squadre che si alternano nella supremazia del campo, privilegiando il tocco corto e la palla giocata al possesso palla iniziale. Dopo tre giri di lancette calcio di punizione da circa 20 metri di Novelli Gasparini, tiro forte e preciso, interviene il portiere in corner. Un minuto dopo un altro calcio da fermo di Novelli Gasparini si stampa sulla barriera e sulla ribattuta Mancarella la manda oltre l’out di fondo. E’ ancora il numero 4 di casa a provarci poco dopo con una botta da fuori di poco oltre il palo alla destra del portiere. È un Ubf entrato in campo con una marcia in più e che a partire dal 54’ potrà sfruttare la superiorità numerica. Michelutto, già ammonito ad inizio ripresa, riceve infatti il secondo giallo per fallo su Buffon e raggiunge anticipatamente gli spogliatoi.
Sugli sviluppi di un corner la palla termina tra i piedi di Alessandro Novelli che, da ottima posizione, alza la sfera oltre la traversa. Sarà una delle ultime occasioni per l’Ubf che, paradossalmente, con l'uomo in più inizia a subire il pressing e il gioco avversario. Merito anche dei cambi fatti da mister Gorenszach che al minuto 56’ butta nella mischia quel Iacobucci che si dimostrerà determinante. È proprio lui ad approfittare al 63’ di una palla persa dai padroni di casa per servire al centro Drecogna il quale, solo in area, calcia clamorosamente fuori. Tre minuti più tardi annullata una rete a Iacobucci per offside, ma l’Ol3 c’è e l’Ubf è in sofferenza.
Al minuto 67 calcio di punizione di Gregorutti a sfiorare di poco la traversa, mentre Panato ci prova da fuori, ma il tiro non centra lo specchio della porta. Allo scoccare della mezzora due occasioni ravvicinate per Massarutto: nella prima è Sotgia ad aprire per il compagno di squadra il cui tiro sfiora l’incrocio dei pali; nella seconda Agyapong serve lungo Massarutto che la stoppa di petto prima di provare un tiro che termina tra le braccia dell’estremo difensore ospite.
Rapidi i capovolgimenti di fronte in questa frazione di gioco. Al 70’ Gregorutti fa partire dalla destra un assist con palla che incontra la testa di Iacobucci prima di essere parata da Pizzolitto. A -3’ dalla fine dei tempi regolamentari Sotgia parte da metà campo palla al piede, triangolazione con Agyapong e azione che termina con palla abbondantemente oltre la traversa.

L'arbitro dà 4 minuti di recupero, l’Ol3 ci crede e al 93’ Drecogna mette una palla al centro dove è posizionato Iacobucci che l’appoggia in rete, regalando tre punti d’oro ai suoi e facendo esplodere i tifosi ospiti sugli spalti.    

Meri Gattel

... / ... Leggi il seguito


Un' UBF da sballo schianta la Sacilese =5 - 0

Esordio in casa da sogno per l'Unione Basso Friuli in questo campionato. Partita perfetta, risultato roboante, 5-0, e lo scalpo di un avversario di blasone come la Sacilese.
Dopo la prima di campionato, che aveva visto i giallo-verde-blu-nero sconfitti per 4-2 sul campo del Casarsa, i latisanesi si sono immediatamente rifatti alla prima occasione tra le mura amiche del Comunale.
Vedendo i risultati avuti fin qui dalla squadra della cittadina sulla sponda del Tagliamento poi, c'è l'impressione che farà divertire - e molto - tifosi e appassionati della bassa friulana.
Tra campionato e coppa infatti abbiamo assistito a un 6-0, a una sconfitta per 4-2, ora a un 5-0. Certo, se si attacca tanto si può anche, per forza di cose, subire, ma la voglia di gioco propositivo, da parte del Club di Latisana e di mister Nicola Carpin, è un qualcosa da sottolineare in maniera assolutamente positiva.
Tornando alla partita contro la Sacilese, è l'Ubf che parte subito forte, ha un paio di occasioni nei primi minuti e va in vantaggio con Bellina al quarto d'ora del primo tempo. A due minuti dalla fine della prima frazione, raddoppio con Vegetali.
Nella ripresa, bastano 120" per il 3-0 firmato da Novelli Gasparini. Da lì in poi la partita è in discesa, con i padroni di casa che realizzano la quarta rete al 63° con Bacinello, e che chiudono poi, aprendo la manita, dieci minuti dopo con Geromin, per il 5-0 finale.
Sugli scudi, anche se i loro nomi non sono finiti sul ruolino dei marcatori, Agyapong e Mancarella. Il difensore ex Portomansué e Liventina è stato autore di una prova sontuosa, mentre la punta ha dato sostanza e messo in costante difficoltà la retroguardia biancorossa. È stato lui a subire il fallo che ha provocato l'espulsione di Castellet al 34° del primo turno.
Nel prossimo turno l'UBF tornerà in trasferta, a Cividale del Friuli, nella tana del temibile e forte Forum Julii. Calcio d'inizio in programma per domenica 1 ottobre, alle ore 15.00, al Comunale di via Mezzana

FONTE: www.calciofvg.live - 25 Settembre 2023

... / ... Leggi il seguito


ultimi 7 post sul Blog

UBF - Vespero: pronostici ribaltati, è un campionato bellissimo - da valvasev

simone-vespero mister UBF Il tecnico di Bibione ha preparato al meglio l'anticipo di sabato alle ore 16, contro il Maniago Vajont: "Ci siamo allenati bene, con voglia ed entusiasmo dopo il successo contro la Sanvitese, ma ogni partita fa storia a sè".

L'Unione Basso Friuli è in ripresa e dopo le sconfitte nelle prime due giornate, a San Vito è arrivato il riscatto con la bella vittoria per 3-2. I ragazzi di Simone Vespero sono motivati e pieni di entusiasmo dopo questo successo esterno che vorranno sicuramente riconfermare tra le mura amiche di Latisana, contro un Maniago Vajont che arriva da un turno di stop forzato. Abbiamo ascoltato il mister veneto che ci ha raccontato la marcia d'avvicinamento alla quarta giornata di campionato: "Ci siamo allenati ieri sera a Ronchi, anticipando il classico allenamento del venerdì e siamo stati fortunati perchè abbiamo avuto due ore senza pioggia che ci hanno fatto allenare senza problemi. Abbiamo una settimana positiva alle spalle, ci siamo allenati tutti bene e con entusiasmo dopo la vittoria con la Sanvitese, ma ogni partita fa storia a sè e siamo pronti alla prossima".

DEFEZIONI - "Abbiamo qualche acciaccato dalla scorsa gara che deciderò all'ultimo momento se rischiare o meno. Parlo di Moretti ed Yassine che sono fuori da qualche settimana".

MANIAGO - "Non li conosco, sto sentendo commenti di ogni tipo per qualsiasi squadra, ma più vanno avanti le giornate e più si vedono risultati completamente opposti ai pronostici. E' un campionato veramente bello perchè può succedere di tutto e non c'è una squadra che possa ammazzare fin da subito il campionato. Tutti quanti devono ancora trovare la quadra, tra infortuni, amalgama del gruppo e non dimentichiamo che bisogna anche ritrovare ritmo dopo tanti mesi di stop. Secondo me ne uscirà un campionato stupendo e molto combattuto".

CARRIERA - "Ho iniziato a Lignano in Eccellenza subentrando a mister Grillo, a stagione in corso, poi sono tornato in Veneto e da quest'anno sono passato in Promozione all'UBF. Da allenatore è la seconda esperienza in Friuli ma ho svolto tutto il settore giovanile qui, quindi sono di casa".


FONTE: www.friuligol.it - 16 Ottobre 2020


... / ...   Leggi il seguito

Pubblicato il 28/10/2020 @ 21:06  - Nessun comment Nessun comment - Vedi ? Aggiungere un articolo sul post?   Anteprima di stampa  Stampa pagina

PROMOZIONE A - Il Basso Friuli rimonta e piega il Maniago Vajont - da valvasev

basso-friuli-rimonta-e-piega-il-maniago-vajont Ospiti in vantaggio, ma allo scadere del primo tempo ecco il rigore che cambia l'inerzia della sfida. E nella ripresa la formazione di Vespero piazza l'allungo decisivo

UNIONE BASSO FRIULI - MANIAGO VAJONT 3-1
Gol: 13' Presotto, 46' Bacinello (rig.), 56' Osagede, 61' Paccagnin

Importante vittoria a Latisana colta dall'Unione Basso Friuli sul Maniago Vajont nell'anticipo del girone A di Promozione. I padroni di casa si sono imposti per 3-1 al termine di una gara molto equilibrata e decisa dagli episodi. Gli ospiti, portatisi in vantaggio per primi, recriminano in particolare per la concessione del calcio di rigore che, in chiusura di primo tempo, ha permesso a Bacinello di riequilibrare il punteggio. Nella ripresa la squadra di Vespero è riuscita ad accelerare, mentre quella di Mussoletto ha colpito una traversa e non ha sfruttato un penalty.

Primo tempo equilibrato, le due formazioni si studiano e cercano di proporre gioco, ma evitando di scoprirsi. Al 13 il Maniago Vajont passa a condurre grazie all'incornata con cui Matteo Presotto, all'altezza del secondo palo, sfrutta il calcio d'angolo battuto da Mazzoli. Non si fa attendere la reazione del Basso Friuli, che alza il baricentro e prova a mettere pressione alla difesa ospite, anche se fa fatica a rendersi pericoloso, mentre il Maniago Vajont punge in ripartenza. Ci provano comunque Osagede (conclusione alta) e Pavan, il quale trova pronto alla parata a terra l'esperto Peruch. In pieno recupero Trubian interviene in area in maniera ruvida su Osagede, l'arbitro assegna il rigore che il giovane Simone Bacinello trasforma per l'1-1 che chiude la prima frazione.

Nella ripresa allunga la squadra di casa e al 56' Osagede sigla il vantaggio, esplodendo dalla sinistra un rasoterra preciso e angolato. E' il momento migliore dell'undici di Vespero, che al 61' porta sul 3-1 il punteggio: si invola in area Bacinello, Peruch non trattiene la conclusione rasoterra del guizzante avversario, arriva Paccagnin (2002) e ribadisce in rete.

Non ci stanno però gli ospiti a soccombere e provano a riaprire la gara: al 77' Trubian su punizione colpisce la parte alta della traversa, mentre all'89' Mander si guadagna un penalty, lo calcia Roveredo ma Picci interviene e sventa la minaccia.


FONTE: www.friuligol.it - 17 Ottobre 2020


... / ...   Leggi il seguito

Pubblicato il 18/10/2020 @ 08:52  - Nessun comment Nessun comment - Vedi ? Aggiungere un articolo sul post?   Anteprima di stampa  Stampa pagina

UBF - Bincoletto: vittoria importante, novità nello staff - da valvasev

bincoletto-sandro "Il Cobra" ex bomber di razza, ora ds del club udinese, annuncia il nuovo team manager: "Verrà a darmi una mano il mio amico Johnny Modolo Perelli che potrà mettere tutta la sua competenza ed esperienza al servizio di tutto il gruppo, soprattutto per far crescere i più giovani"

Vittoria che porta punti, entusiasmo e fermeno in casa Unione Basso Friuli, che ha sbancato il campo di San Vito con il risultato di 2-3. La vittoria galvanizza squadra, ma anche dirigenza ed in primis "il Cobra" Sandro Bincoletto, che ricopre la carica di direttore sportivo.

Ci racconta come ha reagito il gruppo a questo importante successo e ci svela tante novità sia nello staff che in sede di mercato: "La squadra ha risposto bene come nelle partite precedenti, ero molto fiducioso e aspettavo solo che arrivasse questa vittoria. Sono tornati due fuoriquota importanti che hanno anche segnato, ovvero Federico e Paccagnin. Stiamo recuperando un po' di pezzi che non avevamo inizialmente, anche se l'unico calo l'abbiamo avuto contro la Buiese, forse per l'emozione della prima gara interna. Sono sempre stato tranquillo e super fiducioso di questi ragazzi, così come il mister".

GIOCATORE IN PIU' - "La squadra mi è piaciuta nel reparto offensivo con Osagiede che ha fatto una gran partita insieme a Bacinello, sono riusciti a scardinare la difesa della Sanvitese".

VITTORIA - "Un successo importante, che vale anche più dei tre punti guadagnati in classifica, perchè vincere a San Vito per il morale della rosa è un toccasana".

NOVITA' - "Verrà a darmi una mano il mio amico Johnny Modolo Perelli in qualità di team manager, affinchè possiamo avere un'altra persona di grande competenza ed esperienza che potrà aiutare i ragazzi più giovani a crescere. Domani lo presenterò a tutto il gruppo. Aggiungo che ci mobiliteremo ancora sul mercato sia in entrata che in uscita, a breve ci saranno aggiornamenti".


FONTE: www.friuligol.it - 12 Ottobre 2020


... / ...   Leggi il seguito

Pubblicato il 12/10/2020 @ 21:40  - Nessun comment Nessun comment - Vedi ? Aggiungere un articolo sul post?   Anteprima di stampa  Stampa pagina

Pertegada, prove tecniche di fusione. - da valvasev

pertegada-prove-tecniche-di-fusione-tisci-evento-storico Pertegada, prove tecniche di fusione. Tisci:
“Evento storico”

Amalia Tisci, segretario e responsabile del settore giovanile del Pertegada Calcio, ha risposto ad alcune domande sul campionato appena concluso e sui progetti per il futuro. “Con la diffusione del Covid-19 ci siamo fermati totalmente e abbiamo annullato tutto. Purtroppo, anche ora con i protocolli che sono stati imposti non saremo in grado di rispettare tutte le norme di sicurezza, quindi, se dovessero confermarli, ci vorrà tempo per ripartire. Durante il periodo del lockdown abbiamo cercato di organizzarci con i giocatori del settore giovanile per fare videochiamate di gruppo, nelle quali il mister indicava alcuni esercizi da poter fare per tenersi in allenamento”.

Per la società è motivo di orgoglio il settore giovanile, il segretario, infatti, dice: “E’ stata la prima volta, dopo 15 anni, in cui siamo riusciti a fare la squadra dei giovanissimi. Il nostro settore giovanile conta oggi 80 iscritti e siamo partiti da 12 bambini”.

Per quanto riguarda il campionato della prima squadra, invece, la prima metà del campionato è stata dura: “Abbiamo incontrato delle difficoltà, ci siamo scontrati con squadre strutturate molto bene, era un girone impegnativo però come società siamo contenti perché abbiamo visto il desiderio di combattere. I nostri ragazzi non hanno mai smesso di credere nella salvezza e non hanno mai perso la voglia di impegnarsi“.

Il tecnico Lorenzo Berlasso non guiderà la prima squadra giallonera il prossimo anno, non ci sono ancora nomi ufficiali ma stanno valutando determinate proposte. È probabile anche una collaborazione: “Stiamo cercando di creare una fusione con il Latisana Ronchis e sarà un avvenimento storico: 150 anni di calcio nello stesso comune. Puntiamo a creare un’unica società con un’unica squadra e un settore giovanile di elevata qualità”.

Non ci sono, invece, accordi ufficiali con i giocatori ma si stanno muovendo sul mercato alla ricerca della spina dorsale per la prima squadra, puntando a “un difensore centrale, un centrocampista e un ottimo attaccante”. (Katia Sorrentino)


FONTE: www.tremilasport.com - 13 Giugno 2020


... / ...   Leggi il seguito

Pubblicato il 14/06/2020 @ 22:37  - Nessun comment Nessun comment - Vedi ? Aggiungere un articolo sul post?   Anteprima di stampa  Stampa pagina

I 90 anni di Lorenzo Buffon, una vita di sport e sacrifici: - da valvasev

I 90 anni di Lorenzo Buffon, una vita di sport e sacrifici Omaggio alla carriera dell’ex portiere di Milan e Nazionale: «Orgoglio del Friuli». L’abbraccio del mondo del calcio: «È un prezioso esempio per i giovani»

LATISANA. Da sabato sera ha un nome nuovo Lorenzo Buffon. Fortunato. «Perché lo sono stato nella mia vita per aver incontrato maestri che mi hanno insegnato tanto». Come don Giovanni Martinis che da bambino all’oratorio di Latisana gli disse: «Siccome sai dipingere le immagini sacre metti in porta le tue mani così non prendiamo gol. E quella stata la mia fortuna».

Se l’è dato lui, ex portiere del Milan (con cui vinse quattro scudetti, un quinto con l’Inter) e della Nazionale, questo nuovo nome vedendo le tante persone che c’erano per festeggiare i suoi 90 anni (compiuti il 19 dicembre) all’evento organizzato dalla società calcistica Latisana Ronchis, nell’ambito delle iniziative per il centenario del sodalizio, assieme all’amministrazione comunale. Non ha nascosto l’emozione, lui signore di un calcio che non c’è più. «Sono proprio fortunato» ripete.

Ma una carriera, si sa, non è solo questione di fortuna. È impegno, è fatica, è sudore, è sacrificio. È tenacia. Quella che lo spingeva ad allenarsi per ore, fino a notte, una volta, e un’altra e così via fino a quando il movimento non era perfetto, quella che gli faceva tenere i tappi delle bottiglie di birra in tasca per stringerli fino a quando le dita non facevano male perché voleva avere mani forti che non facessero scivolare il pallone. La sua presa divenne sicura, di ferro.

Lo chiamarono poi Tenaglia. Il campione, parente dell’attuale portiere della Juventus Gianluigi Buffon, si rivolge ai calciatori del domani, i pulcini e gli esordienti di oggi: «Ragazzi, ricordate sempre, lo sport deve unire le persone mai dividere».

Accanto a lui a festeggiarlo c’è il telecronista Bruno Pizzul. «Lorenzo è stato un punto di riferimento e un motivo di orgoglio regionale – afferma –. Ha avuto una carriera straordinaria, sempre corretto e circondato dall’affetto e dal rispetto delle persone e questo è importante in un mondo come quello del calcio, oggi ma pure allora, in cui ogni tanto c’è disattenzione verso le regole del comportamento e dell’educazione». È sempre stato elegante Lorenzo. Dentro e fuori dal campo.

«L’ho ammirato tanto – racconta poi l’ex calciatore e allenatore Massimo Giacomini –, un fuoriclasse con la sua eleganza e i movimenti morbidi da pantera. Sono fiero di essere suo amico». Una vita di calcio e di passione. Lui, un esempio. Gli aneddoti sono tanti, troppi per essere ricordati tutti in una sera. Ripensa al suo esordio al Milan nel 1949 contro la Sampdoria, dopo che fu scartato al provino con l’Udinese «perché con il mio metro e novanta ero troppo alto».

Lorenzo, calciatore, Lorenzo dirigente del Milan come ricordano Bruno e Tito Rocco figli del grande Nereo. Con il Friuli sempre nel cuore. Lui che dopo le partite all’Estero – dal Canada al Belgio – andava a trovare i friulani che là vivevano. Per sentirsi così sempre a casa.

Ermes Canciani, presidente della Figc regionale guarda i giovani calciatori e li sprona «a imitare quello che hanno fatto Buffon, Giacomini e Pizzul, a imparare chi erano questi signori, i sacrifici che hanno fatto perché senza impegno non c’è successo. Meno tatuaggi e piercing e più lavoro».

L’assessore allo sport Daniela Lizzi e il sindaco Daniele Galizio gli consegnano una targa «per aver dato lustro al nostro territorio». Lorenzo ringrazia. In prima fila è seduta la moglie Loredana, orgogliosa. «Sono nato e morirò milanista ma con l’Udinese nel cuore – dice –. Ci rivediamo a festeggiare tra 10 anni. D’ora in poi chiamatemi Fortunato».

FONTE: MessaggeroVeneto - 02 Gennaio 2020
LEGGI anche: 31 Gennaio 2020


... / ...   Leggi il seguito

Pubblicato il 10/02/2020 @ 22:23  - Nessun comment Nessun comment - Vedi ? Aggiungere un articolo sul post?   Anteprima di stampa  Stampa pagina

PROMOZIONE Girone A - Berlasso va alla guerra - da valvasev

Lorenzo Berlasso Il tecnico alza la posta in palio: "Basta umiliarci con decisioni come quelle di Marano; andremo in campo per combattere fino all'ultimo respiro a partire dal recupero con il Camino"

Lorenzo Berlasso va alla guerra. Il carismatico tecnico del Pertegada è pronto a moltiplicare gli sforzi pur di tirare fuori dai guai in classifica la sua splendida squadra di giovani e meno giovani guerrieri.

Tuttavia gli avversari sono molti, compreso anche chi dovrebbe essere imparziale. E allora ecco lo sfogo del timoniere giallonero: "Sono stanco di essere umiliato, è già accaduto più volte, col Corva, a Tolmezzo e ora a Marano.

Non ho niente contro la Maranese, che ha fatto la sua partita vincendola. Però non si può non dare un rigore come quello che avrebbe dovuto seguire obbligatoriamente il fallo subito in area all'ultimo minuto dal nostro Comisso ! Oggi 3-4 episodi contro hanno deciso la gara e, allora, se la categoria vuole farci la guerra, guerra sia".

Protesta, chiede considerazione per il Pertegada, Berlasso, pronto a sfidare di petto i proiettili: "No, alibi, no, né lacrime di paura e depressione, ma semmai di rabbia; andremo in campo per dare tutto, a cominciare dal recupero di mercoledì col Camino, dove l'avversario non passerà, non potrà passare".

E se il senso di ingiustizia ha fatto esplodere Bottacin e Brucoli, espulsi nel finale del match con la Maranese, si può star sicuri che il Pertegada venderà carissima la pelle come ha fatto oggi contro i lagunari anche con 6 fuoriquota (tra cui 4 2001) contemporaneamente in campo. L'età non conta, contano il coraggio, l'orgoglio, la voglia di...

Più il Pertegada lo buttano giù, e più Berlasso e i suoi si rialzano e corrono verso i proiettili.

FONTE: FRIULIGOAL - 01 Dicembre 2019


... / ...   Leggi il seguito

Pubblicato il 04/12/2019 @ 06:10  - Nessun comment Nessun comment - Vedi ? Aggiungere un articolo sul post?   Anteprima di stampa  Stampa pagina

Pertegada gigante a Staranzano. Berlasso non si accontenta - da valvasev

Terenziana-starazano-Pertegaca calcio I gialloneri impediscono alla Terenziana di rendersi pericolosa e lo scontro al vertice termina 0-0. Il condottierio lancia la sfida ai suoi ragazzi: lavorare forte anche durante la sosta per tentare di completare un intero campionato da protagonisti

Il Pertegada chiude un fenomenale girone d'andata a quota 32, con una sola sconfitta al passivo, e in scia alla turbo Terenziana. Oggi lo scontro al vertice di Staranzano è terminato 0-0, con i gialloneri che hanno impedito alla capolista di rendersi pericolosa. Pertegada impressionante sul piano della coralità, della capacità di restare corto, mettendo in difficoltà i padroni di casa con le ripartenze. Tanto che sono stati gli ospiti nel primo tempo ad andare più vicini al gol, colpendo un palo e rendendosi pericolosi in un paio di altre situazioni.

Nella ripresa la Terenziana ha alzato i giri del suo potente motore, ma non è mai riuscita a pungere davvero una difesa che, del resto, nelle ultime 6 gare non ha subito neppure una rete! 
Lorenzo Berlasso è soddisfatto dell'ennesima prestazione di grosso spessore della sua creatura, ma lancia insieme ai complementi anche la sfida ai suoi ragazzi, chiamati a sacrificare una parte delle loro ferie del periodo natalizio (molti di loro hanno lavorato durante la stagione estiva) per costruire le basi atletiche e motivazionali di un girone di ritorno che sarà durissimo e, insieme, potrebbe rivelarsi indimenticabile per il club giallonero.

Come a dire: abbiamo dimostrato di potercela giocare con chiunque, anche con l'atomica Terenziana, starà a noi nelle prossime settimane decidere chi vogliamo essere nella fase discendente di una stagione che in avvio vedrà il Pertegada dover affrontare Sant'Andrea, Sangiorgina e Rivignano.

FONTE: Friuli Gol - 16 Dicembre 2018


... / ...   Leggi il seguito

Pubblicato il 17/12/2018 @ 00:16  - Nessun comment Nessun comment - Vedi ? Aggiungere un articolo sul post?   Anteprima di stampa  Stampa pagina
  • foghera-pertegada-33.jpg

    Foghera Tal Timent Pertegada (UD)

  • santo--antonio.jpg

    Ferragostana - Festa di Santo Antonio

Notiziario - Comunicati

Vuota

Vuota

In allestimento - prossimamente

PerteDelirio 2015

Pertedelirio

PerteDelirio 2015

PerteDelirio

PerteDelirio

PerteDelirio 2014

Festa d'estate

Festa d'estate

Festa d'estate 2014.pdf


Members- Membri

Riconnettersi
---

Vostro nome (o username) :

la tua password:


 Numero di membri  1 Utente


Connessione :

( nessuno )

Webmaster - Contact

Ip: 3.238.112.198

NewsLetters
Per ricevere informazioni sulle novità di questo sito, puoi iscriverti alla nostra Newsletter.
Captcha
Ricopia il codice :
Traduction Site
Calendario Eventi
Photo Gallery

Altri Miei SITI

anclignano pertegada calcio yorkshire susy isolajava LegaNord Latisana il mio diabete

Don.Severino Valvason
il vostro Webmaster

Webmaster - Contact
^ Torna in alto ^