ASD Pertegada Calcio dilettanti friuli v.g. 2° categoria girone C

http://www.pertegadacalcio.com/

Oltre ottanta profughi arruolati nel calcio amatoriale (Acquisti e vendite giocatori)

profughi arruolati nel calcio amatoriale Oltre ottanta profughi arruolati nel calcio amatoriale
Udine, progetto della Regione finanziato con trentamila euro

UDINE. Negli ultimi anni il calcio-spettacolo non ha dato la migliore immagine di sé quanto a inclusione eppure il tappeto verde, simbolo in Italia dello sport per eccellenza, rimane nella sostanza un luogo ideale in cui stringersi la mano. Il calcio è gruppo, gioco di squadra, tattica, rispetto delle regole.

Davanti a un pallone vengono meno le differenze. Le barriere linguistiche. Non pensate al calcio delle prime serie. Quello è altra cosa. Pensate piuttosto ai bambini che al parco inseguono il pallone e che da grandi, per ritrovare quella stessa gioia di stare insieme e mettersi alla prova, militano negli amatori.

Sulla scia di queste considerazioni ha preso corpo il progetto Calcioxenia sostenuto dalla Regione con 30 mila euro. Letteralmente: Calcio opportunità (dal greco).

Ideato dalla Lega calcio collinare ha coinvolto fin qui 72 profughi che si sono cimentati sui campetti del calcio a 5 in diversi allenamenti e che, presa confidenza con il pallone - un’assoluta novità per molti di loro - il prossime mese di febbraio si metteranno alla prova in un vero e proprio torneo. L’appuntamento è fissato per il 12 febbraio a Villa Santina.

«E chissà che in quell’occasione non dia un calcio alla palla anche io» ha detto ieri scherzando (o no?) la presidente della Regione Debora Serracchiani che assieme all’assessore Gianni Torrenti e ai vertici della Lega ha presentato l’iniziativa.

«Possiamo continuare a pensare che la migrazione è un problema - ha esordito Serracchiani - oppure un tema sul quale trovare soluzioni. Possiamo chiuderci nelle nostre case oppure confrontarci. Anche attraverso lo sport». E’ questo l’obiettivo di Calcioxenia.

«La nostra Lega è nata 30 anni fa per consentire di praticare sport a chi nelle sedi ufficiali non poteva praticarlo. Perché troppo scarso. Siamo nati per fare sport senza pregiudizi» ha aggiunto Daniele Tonino, presidente della Lega Calcio Friuli Collinare che oggi vanta 9 mila tesserati.

«Cinquecento dei quali sono già stranieri» ha aggiunto Tonino che oggi assieme alla Lega ha deciso di fare la propria parte per cercare di agevolare il processo d’integrazione. Palla al piede. La Lega ha così dato vita a 30 allenamenti, coinvolgendo assieme a 70 giocatori friulani 82 richiedenti asilo, di età compresa tra i 20 e i 30 anni, provenienti da Pakistan (39), Afganistan (31), Guinea (3), Gambia (3), Mali (2), Iran (1), Bangladesh (1), India (1) e Iraq (1).

Ciò grazie alla disponibilità di alcune associazioni sportive e della Caritas di Udine, della Comunità di Tramonti, dell’Ics Trieste e della Onlus Nuovi Cittadini Udine. Dopo qualche difficoltà iniziale, il pallone ha fatto la magia di cui è sempre capace e i ragazzi sono entrati in “partita”.

Che possa diventare questo un nuovo osservatorio per l’Udinese di Paron Pozzo? Torrenti si limita ad un augurio: «Che il progetto sperimentale possa essere replicato in altri contesti».

FONTE: MessaggeroVeneto - 20 Gennaio 2017